Close

16 Settembre 2019

Non di rado ci è capitato di sentire amici, parenti che siano intenzionati a sottoscrivere un prestito, ma senza busta paga la situazione si complica e di questi tempi non tutti ce l’hanno.

Tuttavia, tra le numerose soluzioni ideate dai vari istituti creditizi, vi è anche il prestito senza busta paga rivolto proprio a quei giovani lavoratori assunti con contratto a progetto e quindi senza busta paga, che in genere è la principale garanzia a cui fanno riferimento le banche nel momento in cui decidono di concedere un prestito.

Per poter ottenere tale forma di finanziamento sono possibili due soluzioni alternative:

  • mutuo ipotecario per liquidità offrendo un immobile come garanzia per l’estinzione del debito sottoscrivibile presso le banche che offrono tale opportunità;
  • fideiussione con il quale un terzo (garante) offre le opportune garanzie (stipendio, ecc) al posto del richiedente e assumendosi i rischi dell’eventuale inadempimento da parte del debitore.

Richiederlo è facile, basta presentare i seguenti documenti:

  • carta di identità;
  • codice fiscale;
  • una delle garanzie suddette;
  • ultima busta paga (se esiste);
  • e ogni altro documento che attesti lo stato economico del richiedente.

Il nostro consiglio, a parte tutto, è di scegliere una Finanziaria di cui avete piena fiducia e di richiedere questi tipi di prestito solo se strettamente necessario, infatti data la loro “particolarità” sono offerte creditizie ad alto rischio, in quanto in caso di inadempienze potrebbero scattare pignoramenti dei beni che avete dato in garanzia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *